La termografia ad infrarossi viene spesso impiegata per ridurre notevolmente le spese, dovute a svariate problematiche di degrado dell’interno e dell’esterno degli edifici. La capacità di identificare la causa dei difetti imputabili ad una costruzione scadente o ad un’anomalia, formatasi nel tempo per colpa di un’errata messa in opera o pessima conduzione dei lavori, può assumere un ruolo importante nell’incremento dell’efficienza in termini di risparmio energetico ed soprattutto economico. Negli ultimi anni le indagini termografiche hanno trovato sempre maggiore impiego nella fase della diagnostica e degli interventi sull’edilizia storica e moderna.

L’impiego della termografia ad infrarossi raggiunge la sua massima efficienza nell’identificare tempestivamente guasti su edifici, con la possibilità di ripararli prima che il danno assuma proporzioni ingenti e di proteggerli dagli investimenti affrontati in termini di attrezzatura e materiali. Le problematiche che si formano per un degradamento non risanato in tempo, si traducono in elevati costi di riparazione. Se poi il danno è grave può persino essere impossibile porvi rimedio.

Cosa è possibile controllare con le termocamere:

  • Potenziale distacco di piastrelle
  • Probabile distacco di intonaco
  • Individuazioni ponti termici
  • Ispezioni di edifici multipiani
  • Individuazione di difetti di isolamento
  • Individuazione di dispersione energetica
  • Individuazione di umidità